Giorgio Colombo Taccani

Giorgio Colombo Taccani, nato a Milano nel 1961, ha svolto studi classici, laureandosi in Lettere Moderne all’Università Statale di Milano, sotto la guida di Francesco Degrada, con una tesi in Storia della Musica dedicata all’Hyperion di Bruno Maderna, alla quale nell’ottobre 1993 è stato attribuito il “Premio Missiroli” da parte del Comune di Bergamo in occasione di un convegno dedicato al teatro musicale italiano del Dopoguerra.

Parallelamente ha svolto studi musicali, diplomandosi in Pianoforte nel 1984 ed in Composizione nel 1989 al Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida dapprima di Pippo Molino e quindi di Azio Corghi, conseguendo in seguito il Diploma al corso di perfezionamento biennale in Composizione tenuto da Franco Donatoni all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma, dove ha ottenuto una borsa di studio S.I.A.E..

Ha inoltre seguito corsi di perfezionamento con Azio Corghi e György Ligeti ed è stato selezionato per partecipare al workshop estivo 1995 dedicato all’informatica musicale organizzato dall’IRCAM.

Sue composizioni sono state premiate o segnalate in concorsi nazionali ed internazionali (“Giovane compositore per il pianoforte”, Roma, 1984; “International Competition of Flute Composition”, Kobe-Shi, Giappone, 1987; Premio “Valentino Bucchi”, Roma, 1987 e 1993; “Castello di Belveglio”, 1988 e 1993; Premio “Alpe Adria”, Trieste, 1988; “Concorso Nazionale di Composizione per Strumenti a Fiato”, Livorno, 1991; “Città di Mestre”, 1991; “Quinto Concurso de Composición «Francesc Civil»”, Girona, Spagna, 1992; “Concorso «Città di Trieste»”, 1993; “Concorso Internazionale «Gino Contilli»”, Messina, 1993; “XV Concorso Internazionale «Luigi Russolo»”, Varese, 1993; “2 ° Concorso Internazionale «2 Agosto»”, Bologna, 1996, Concorso “Franco Evangelisti“, “Nuova Consonanza”, Roma, 1998; “I Concorso Internazionale «Repubblica di San Marino»”, 1999; “I Concorso Internazionale «A Camillo Togni»“, Brescia, 2000; “Lutoslawski Award 2006“, Varsavia, Polonia) nonché regolarmente eseguite in sedi italiane ed estere (ISCM “World New Music Days” – Växjö, Svezia, “Sibelius Academy” – Helsinki, “Nuova Consonanza” – Roma, “Gaudeamus” – Amsterdam, “Ferienkurse für Neue Musik” – Darmstadt, Festival “Musica” – Strasbourg, “Hugh Lane Gallery” e “Writers’ Museum” – Dublino, “Fylkingen Festival” – Svezia, “Trieste Prima”, “Biennale di Venezia“, “RAI NuovaMusica“, Società Aquilana dei Concerti – L’Aquila, “Contrasts” – Lviv, Ucraina, Auditorio Nacional de Música – Madrid e molte altre fra cui Valparaiso, Brasilia, New York, Atene, Kobe, Nagasaki, Osaka, Yokohama, Auckland, Wellington, Sydney, Reykjavyk, Copenhagen, Sarajevo, Parigi, Nantes, Lisbona, Budapest, Berlino, Lipsia, Kyiv, Toulouse, Sofia, Edinburgh, Bruxelles, Alessandria d’Egitto), trasmesse da varie emittenti nazionali ed estere e pubblicate dalle Edizioni Suvini Zerboni di Milano.

Dal 1991 al 2001 si è occupato di musica elettronica presso lo studio AGON – acustica informatica musica Centro Studi Armando Gentilucci di Milano.

La sua attività musicologica, dedicata alla produzione del Novecento italiano, si è concretizzata in articoli sulle riviste Sonus e Auditorium dedicati al teatro musicale italiano degli anni Sessanta e nel capitolo Aria , una proposta di analisi inserito nel volume Bruno Maderna – Studi , curato da Mario Baroni e Rossana Dalmonte e pubblicato dalle Edizioni Suvini Zerboni di Milano.

Ha collaborato con il corso di perfezionamento di Composizione tenuto da Azio Corghi presso l’Accademia “A. Toscanini” di Parma. Dal 1992 al 1999 ha insegnato Composizione alla Civica Scuola di Musica di Milano. Dal 2005 collabora con il corso di Direzione d’Orchestra per il repertorio contemporaneo tenuto dapprima da Giorgio Bernasconi e quindi da Arturo Tamayo presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.

Dal 1999 insegna Composizione presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *