Fabrizio Merlini

Diplomatosi sotto la guida di Piero Farulli con il massimo dei voti e la lode ha in successivamente seguito corsi di perfezionamento con Bruno Giuranna e Dino Asciolla a Città di Castello, Portogruaro e all’Accademia Chigiana di Siena dove è stato premiato con il Diploma di Merito.

E’ stato premiato in numerosi concorsi Nazionali e Internazionali fra i quali l’ARAM, Bordeaux e per due volte a Vittorio Veneto.

Si è esibito in importanti Festival Internazionali in formazioni cameristiche e in duo con pianoforte: Madrid, Parigi, Bruxelles, Torino Milano, Firenze, Roma Vicenza, Stresa, Cervo.

Ha ricoperto il ruolo di prima viola in molte orchestre: Orchestra del Teatro della Fenice di Venezia, del Teatro Petruzzelli di Bari, del Teatro San Carlo di Napoli, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra di Padova e del Veneto, i Filarmonici di Torino, la Filarmonica Toscanini, i Filarmonici di Verona e i Virtuosi Italiani, sotto la guida di direttori come Giulini, Abbado, Muti, Kleiber, Metha, Pretre, Chung, Mazel.

Come membro dell’Orion Piano Quartet è stato, per numerosi anni, invitato regolarmente a tenere concerti e Master Classes in Giappone.

Dal 2000 fa parte del quartetto d’archi Elisa con il quale ha effettuato tournés in Spagna, Francia, Belgio, Germania, Austria, Svizzera, Stati Uniti, Giappone e per le principali Società Concertistiche Italiane.

Ha collaborato, in svariate formazioni cameristiche, con importanti Musicisti della scena Internazionale come Franco Gulli, Giuliano Carmignola, Federico Agostini, Pavel Vernikov, Dino Asciolla, Piero Farulli, Danilo Rossi, Franco Rossi, Mario Brunello, Enrico Dindo, Alain Meunier, Bruno Canino, Piernarciso Masi, Trio d’Archi della Scala, quartetto Fonè, duo Hayaschi.

Si è occupato di esecuzioni filologiche di musica antica eseguita con strumenti originali collaborando con l’ensemble Anciuti e il Ruggero con i quali ha suonato anche la viola d’amore.

Fra le sue incisioni discografiche spiccano le sonate per viola e pianoforte in duo con Tiziano Mealli, i sestetti di Brahms con Giuliano Carmignola, Stefano Zanchetta, Tommaso Poggi, Mario Brunello e Franco Rossi, e l’incisione di tre concerti inediti per viola e orchestra di Alessandro Rolla sotto la direzione d Giuseppe Bruno in prima assoluta, dopo un attenta ricerca critica su i manoscritti.

Insegna al Conservatorio di La Spezia e tiene vari corsi di perfezionamento e Master Classes per il suo strumento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *