Letizia Dei e Chiara Saccone registrano “Seven sonnets of Michelangelo” di Britten

Giorno di registrazione dei “Seven sonnets of Michelangelo” di Benjamin Britten per Letizia Dei e Chiara Saccone presso lo studio EMA Vinci service by EMA Vinci.

“Seven Sonnets of Michelangelo” è un ciclo di canzoni composto da Benjamin Britten (1913-76) per voce tenore e pianoforte nel 1940 e pubblicato come op. 22. [1] Fu scritto per sé e per il suo compagno di vita, il tenore Peter Pears (1910-86). I manoscritti delle canzoni sono datati tra aprile e ottobre 1940; ma c’è qualche prova che il ciclo fosse stato contemplato, e persino iniziato, già nel 1937. [2]: 158 [3] Consiste in settaggi di sette sonetti, tutte canzoni d’amore, del pittore e poeta italiano Michelangelo (1475 -1564), nella lingua originale: [4]

XVI: “Si come nella penna e nell’inchiostro” (“Proprio come a penna e inchiostro”)
XXXI: “A che più debb’io mai l’intensa voglia” (“A quale scopo esprimo il mio intenso desiderio”)
XXX: “Veggio co ‘bei tuoi occhi un dolce lume” (“Vedo attraverso i tuoi begli occhi una luce dolce”)
LV: “Tu sa, ch’io così, signor mie, che tu sai” (“Lo sai che lo so, mio ​​signore, che lo sai”)
XXXVIII: “Rendete agli occhi miei, o fonte o fiume” (“Rendimi i miei occhi, o fontane e fiumi”)
XXXII: “S’un casto amor, s’una pietà superna” (“Se c’è un casto amore, una pietà celeste”)
XXIV: “Spirto ben nato, in cui si specchia e vede” (“Nobile spirito, in cui si riflette”)

Letizia Dei e Chiara Saccone oggi lo interpretano per pianoforte e voce di soprano, alternando momenti di forza a momenti di passione e delicatezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *