Stefano Malferrari plays Paolo Aralla

Architektur der Ebene 3 (2017)

Con Stefano Malferrari, Paolo Aralla e  Anita Azzi c’incontriamo, come di consueto succede con gli artisti che registrano per EMA Vinci records, in mattinata presto alla stazione di Empoli. I rituali saluti e mentre ci rechiamo allo studio parliamo del più e del meno, ma soprattutto facciamo considerazioni sulla musica contemporanea italiana e sul progetto SIAE-Classici di Oggi.

Giunti allo studio un’attenta analisi per ottimizzare “funzionali takes” di registrazione e quindi una microfonatura che riesca a restituire l’ampio panorama timbrico e dinamico che il brano richiede.

Optiamo per una microfonatura inserita all’interno della cassa, con coperchio semichiuso e microfoni posizioni molto vicina al legno alfine di restituire un suono con armoniche dolci, bassi compatti e acuti non particolarmente aggressivi, ma nel complesso molto presenti.

Il lavoro da registrare è molto lungo, si procede con i take, spesso ripartendo da molto indietro alfine di mantenere le lunghe risonanze richieste. Il lavoro termina in tardo pomeriggio, abbiamo tutto ciò che ci occorre, adesso le prossime tappe saranno la scelta delle prese, il montaggio e quindi definizione del suono.

Non possiamo non scrivere qualcosa sugli ottimi spaghetti al pesto preparati da Anita e soprattutto del prosciutto toscano tagliato vicino all’osso. Il momento della pausa pranzo è molto importante, agglomerante, è il momento per trarre e progettare considerazioni utili e realistiche, soprattutto in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo.


#SIAEClassiciOggi   #EMAVinciContemporanea   #EMAVincirecords


 [Stefano Malferrari – SIAE Classici Di Oggi vol. VII]


 

Add a Comment